Sei alla ricerca di personale specializzato? Comincia qui  
× chi siamo offerte privacy policy news webinars podcasts login english italiano


26/08/2020

Perché ridurre o no l'orario di lavoro

Di fatto i lavoratori guadagnerebbero di più ed avrebbero più risorse da spendere... ma è questo necessariamente positivo?

Il primo ministro finlandese Sanna Marin ha lanciato la proposta di una giornata lavorativa di sei ore come soluzione per migliorare l'equilibrio tra lavoro e vita privata.

Di sicuro non è un' idea nuova, ma è un progetto che ha preso piede in maniera spontanea nel trascorrere degli anni. A fine XIX secolo, nelle filande torinesi, le operaie lavoravano in media 16 ore al giorno; la situazione rimase così invariata fino al 1899, con l'emanazione di una legge che obbligò l’interdizione del lavoro oltre le 12 ore. Questo è solo un episodio, che durante gli anni si è ripetuto fino ad arrivare nei nostri giorni (in Italia), formalizzandosi nella normativa regolata dal D. Lgs. n. 66/08.04.2003 "Riforma della disciplina in materia di orario di lavoro in attuazione delle direttive 93/104/Ce e 2000/34/Ce".

Attualmente in Italia le ore di lavoro sono fissate a 40 settimanali; modificabili in senso riduttivo dai contratti collettivi, mantenendo  l’obbligo di riferire l’orario normale alla durata media delle prestazioni lavorative in un periodo non superiore all’anno. In ogni caso, il numero massimo non può superare le 48 ore.

In ogni paese la media di ore di lavoro è variabile,  nonostante la tendenza generale sia quella di ridurre progressivamente, come nel caso della Francia, che attualmente ha stabilito 35 ore settimanale. La Danimarca invece vanta il numero più basso, con 1380 ore/anno, segue la Francia (1505 ore/anno), Italia 1718 ore/anno, Spagna 1686 ore/anno.

E tutto questo cosa ci insegna? Sebbene gli orari di lavoro si siano ridotti durante gli anni, le ragioni dietro non sono le stesse.

In primis nuove tecnologie hanno permesso di ridurre la necessità di personale, soprattutto in ambito industriale ed agricolo. Anche le situazioni socio-economiche in diversi periodi storici hanno favorito questi cambiamenti, cosi come guerre ed altri avvenimenti sociali.  Il tempo, come il lavoro, è diventato mercificato - una recente eredità del capitalismo industriale. Tuttavia, la logica del tempo industriale non è al passo con le condizioni odierne, in cui le comunicazioni istantanee e le tecnologie mobili comportano nuovi rischi e pressioni, nonché opportunità. Passare a orari di lavoro retribuiti molto più brevi offre una nuova via per uscire dalle molteplici crisi che affrontiamo oggi.

Molti di noi consumano ben oltre i propri mezzi economici e ben oltre i limiti dell'ambiente naturale, ma in modi che non riescono a migliorare il nostro benessere - e nel frattempo molti altri soffrono la povertà e la fame. La continua crescita economica nei paesi ad alto reddito renderà impossibile raggiungere obiettivi urgenti di riduzione del carbonio. L'ampliamento delle disuguaglianze, un'economia globale in fallimento, le risorse naturali gravemente impoverite e l'accelerazione del cambiamento climatico rappresentano gravi minacce per il futuro della civiltà umana.

Oltre questo, ci sono studi che dimostrano che lunghe giornate di lavoro possono aumentare il rischio di malattie. Nello studio di meta-analisi di Virtanen (2018) accennano che l'associazione tra lunghe giornate di lavoro e sintomi depressivi fosse più forte nei paesi asiatici, inclusi studi in Giappone, Corea del Sud e Thailandia, rispetto al resto dei paesi dell'Europa, del Nord America e dell'Australia. Le ragioni di questa differenza regionale non sono chiare, ma potrebbero coinvolgere differenze culturali e di politica sanitaria sul lavoro tra le società asiatiche e quelle occidentali. Invece la meta-analisi di Kivimaki (2015) mostra che i dipendenti che lavorano per più ore hanno un rischio di ictus più elevato rispetto a quelli che lavorano con orari standard.

Tuttavia, ci sono anche altri motivi per cui la riduzione dell'orario di lavoro potrebbe portare maggiori danni, in questo caso, ambientali. La riduzione dell'orario di lavoro può portare al deterioramento ambientale se inasprendo i mercati del lavoro e aumentando i salari, il capitale e l'energia sostituiscono i lavoratori.

Storicamente parlando, la riduzione delle ore lavorative negli ultimi 100 anni è stata accompagnata da un maggiore, non minore, utilizzo delle risorse e dalle emissioni di gas serra. Quando Henry Ford ha introdotto un giorno in più di svago per i suoi lavoratori, il suo obiettivo era che acquistassero e viaggiassero di più con le sue auto, non che consumassero di meno.

D'altra parte, c'è sempre la possibilità che più tempo libero possa essere destinato ad attività più "soft", come leggere e giocare, passare il tempo con la famiglia, "non fare nulla", investire nell'educazione personale, ecc. dipendono dai prezzi relativi dei diversi beni di consumo e per il tempo libero. La regolamentazione delle norme ambientali e la tassazione dei beni ambientali e delle esternalità possono spostare tali prezzi rispetto ai beni ad alta intensità di risorse e fornire incentivi per forme di consumo e tempo libero meno impegnative.

Andre Gorz, un padre intellettuale del movimento per la decrescita, ha affermato che una politica di riduzione del tempo nel lavoro salariato funzionerà solo se il governo interverrà per fornire le infrastrutture necessarie per il lavoro e il gioco non salariato.

 

Referenze:

https://data.oecd.org/emp/hours-worked.htm

https://smallbusiness.chron.com/advantages-disadvantages-reducing-working-hours-42683.html

https://en.wikipedia.org/wiki/Working_time#European_countries

Virtanen, M., Jokela, M., Madsen, I. E., Magnusson Hanson, L. L., Lallukka, T., Nyberg, S. T., ... & Burr, H. (2018). Long working hours and depressive symptoms: systematic review and meta-analysis of published studies and unpublished individual participant data. Scandinavian journal of work, environment & health, (3), 239-250.

Kivimäki, M., Jokela, M., Nyberg, S. T., Singh-Manoux, A., Fransson, E. I., Alfredsson, L., ... & Clays, E. (2015). Long working hours and risk of coronary heart disease and stroke: a systematic review and meta-analysis of published and unpublished data for 603 838 individuals. The Lancet, 386(10005), 1739-1746.

Kallis G, Kalush M, O.'Flynn H, Rossiter J, Ashford N. “Friday off”: Reducing Working Hours in Europe. Sustainability. 2013; 5(4):1545-1567.

 

 



torna indietro


  • "Ho avuto il piacere di essere supportato negli ultimi anni da GS Xecutive in alcune selezioni piuttosto complesse e totalmente differenti fra di loro. Se tre indizi fanno una prova…. tre candidati inseriti con successo sono la conferma della professionalità, competenza e sensibilità con cui gestisce i progetti che gli vengono affidati."
    Massimo Scolari
    C.F.O. at AEB Group
  • "L'assegnazione di un obiettivo da conseguire... la certezza del risultato! Gianluca conosce bene il territorio presso il quale è inserito, il contesto sociale che lo circonda, le persone con cui collabora. Grazie alle sue molteplici competenze, anche negli scenari più difficili, trova la persona giusta da collocare all'interno delle società dei suoi clienti. Un vero piacere lavorare con lui."
    Cristina Medici
    Beckhoff Automation, Italy
  • "Ho conosciuto Gianluca Suardi qualche anno fa e da allora siamo sempre rimasti in contatto. Si tratta sicuramente di uno dei migliori professionisti che abbia mai incontrato nel settore HR. Competente, trasparente, puntuale, proattivo. Sono solo alcune delle qualità che Gianluca ha dimostrato le volte in cui ho avuto a che fare con lui. Si tratta di un gran professionista nell'ambito HR, ma non solo: ha una capacità di problem solving fuori dal comune ed una visione strategica direi quasi unica. Insomma, lasciatemi esagerare, un fuoriclasse."
    Enrico Quaresimin
    Business Development Manager presso Forgital USA, Inc.
  • "I worked with Gianluca several times. Excellent interpersonal skills, target oriented and incredible sensitiveness towards candidates and effective in understanding clients requirements with creative solutions."
    Paolo Sacchi
    Procurement & Asset Manager - Area Europe & Russia @ Astaldi
  • "Ho avuto modo di conoscere GS Xecutive e di apprezzarne il lavoro nel corso di una selezione abbastanza complessa. La perfetta comprensione delle nostre esigenze e la perseveranza nella ricerca del candidato giusto sono stati i fattori determinanti per il successo del progetto."
    Daniele Da Re
    Operation Manager presso Zanotta SpA
  • "Ho avuto la fortuna di essere inserito 4 anni fa presso un'azienda con la mediazione di Gianluca e ad oggi mi appoggio spesso a lui per la ricerca di figure difficili da reperire. Professionale e concreto, ne consiglio la collaborazione."
    Matteo Gualandris
    Direttore di produzione Cartotecnica Goldprint SpA
  • "Ho conosciuto GS Xecutive in un periodo in cui avevo deciso di cambiare i miei orizzonti professionali. Sono fermamente convinto che nell'immenso mondo del Recruitment servano persone altamente competenti, bhe Gianluca è un gradino avanti agli altri. Persona di altissima formazione e competenza"
    Fausto Fedrighini
    CISM at International Purchasing and Supply chain management institute
  • "Gianluca è un professionista competente ed affidabile, orientato al risultato e capace di adattarsi rapidamente a situazioni complesse. E' dotato di grande tenacia e porta a termine gli obiettivi assegnati anche in presenza di difficoltà impreviste."
    Claudio Pinassi
    Amministratore Delegato KME Italy
  • "Ho lavorato con il Dott. Suardi nella selezione di 2 persone da inserire nel mio team e mi sono sempre trovata molto bene sia sotto il profilo professionale che personale."
    Annarita Polacchini
    General Manager ASF Autolinee
  • "Gianluca is an excellent talent discoverer in the HR field: professionality and humanity his skills."
    Michele Greif
    General Manager
  • "Fast and professional. Thanks for cooperation"
    Stefan Folini Integration Manager TTM & Antil - Head of Operations Competence Center Automation Bystronic
    Bystronic Group
  • "Ho avuto occasione di lavorare con Gianluca in occasione di una ricerca per il mio team marketing ed ho trovato in lui un attento osservatore della realtà aziendale ed un profondo ascoltatore dei nostri bisogni. Anche di fronte a degli imprevisti che hanno causato ritardo nella selezione, ha saputo gestire con rapidità e precisione la situazione garantendo tempi di risposta coerenti con le aspettative. Insomma: mi auguro di poter lavorare con lui ancora."
    Fabio Milesi Marketing & Sales Manager
    Diversey Spa
  • "Professionalità e precisione legata a capacità di interpretare le caratteristiche dei diversi job profile restituiscono un feedback altamente positivo e di sicuro consigliabile soprattutto per profilazioni medio alte !"
    Pasquina Disanto Responsabile amministrazione
    Responsabile amministrazione BIO-LINE CHEMICALS SRL
  • "Professionalità, educazione, equilibrio e competenza sono le doti che sono spiccate subito nella conoscenza di Gianluca Suardi."
    Marco Cristiano Soler
    Responsabile tecnico presso BIO-LINE CHEMICALS SRL
  • "Gianluca è un Professionista a 360° in ambito recruiting. Esprime con grande chiarezza e precisione ciò che lui ed i suoi partner ricercano e fornisce feedback costruttivi per consentire alle persone con cui si interfaccia un costante miglioramento."
    Andrea Armanni
    Marketing and Sales Manager at F.lli Belotti S.r.l.
  • "Ho avuto l'occasione di conoscere Gianluca e affrontare con lui un percorso selettivo. Voglio sottolineare la grande professionalità oltre una grande trasparenza e "umanità", dote decisamente rare nel settore."
    Antonio Evangelista
    Off Premise Regional Account Manager
  • "I met Gianluca when I was a candidate and now we still cooperate. Gianluca, and GSX by extent, is more than (an extremely effective) a recruiter. He is, indeed, a invaluable business partner capable of guide and counsel even in the most complicated HR matters. He often put professionalism before personal gain, saying and doing the right thing even when is not convenient for him. I remember very well when we, talking about profiles, he clearly stated that the other agency's candidate was the better choice for my company. I would recommend Gianluca, you will definitely appreciate his reliability, intellectual honesty and HR expertise."
    Luca Zanazzi
    Linkedin