Sei alla ricerca di personale specializzato? Comincia qui  
× chi siamo offerte privacy policy news login candidati english italiano


28/02/2020

Difficoltà ad assumere

Cresce il gap tra le competenze richieste e quelle disponibili sul mercato del lavoro. Secondo l’elaborazione effettuata dall’Ufficio studi della Cgia

Uno dei paradossi che colpisce di più sul mercato del lavoro italiano è quello dei cosiddetti profili over-skilled: la difficoltà di inserire risorse con competenze troppo specialistiche o teoriche rispetto alle esigenze delle imprese. Con il rischio di creare una “corsa al ribasso” dove le qualifiche diventano più un handicap che un valore aggiunto in fase di assunzione.

 

Oltre questo, Il costo del lavoro italiano è il terzo più caro in Europa, con un cuneo fiscale che in percentuale del costo del lavoro è al 47,7 per cento, l'Italia, dopo Belgio (53,7 per cento) e Germania (49,6 per cento), è il Paese dove il peso delle tasse e dei contributi sulla retribuzione lorda dei lavoratori dipendenti è il più elevato tra le nazioni Ocse. I contributi sociali "versati" dai titolari d'azienda ammontano al 24%.

 

Facciamo un esempio concreto per comprendere più da vicino il calcolo del costo per un dipendente,

·       Contributi INPS a carico azienda € 20.613,72 x 29,75% (ovvero aliquota INPS globale meno quota INPS a carico del lavoratore) = € 6.132,58;

·       Contributi INAIL € 20.613,72 X 22% = € 4.535,02;

·       Retribuzione Imponibile Fiscale del lavoratore € 18.719,32 (ovvero RAL meno contributi INPS a carico del lavoratore);

·       IRPEF e addizionali comunale/regionale da trattenere al lavoratore € 3.606,16;

·       Netto in busta al lavoratore € 15.113,16 (ovvero RAL meno INPS a carico del dipendente meno IRPEF e addizionali).

·       Trattamento di fine rapporto (TFR) RAL/13,5 = € 1.526,94

Costo globale annuo del lavoratore € 31.281,32

Netto in busta paga del lavoratore € 15.113,16

Questo significa che solo il 46% dei costi sostenuti dal datore di lavoro finiscono nella busta paga percepita dal dipendente.

 

Con questo quadro della situazione molto spesso le aziende si ritrovano a dover fare una scelta: assumere un dipendente con il rischio di affrontare spese elevate che sarà difficile sostenere oppure ottimizzare e spesso sovraccaricare, le risorse già esistenti. Una delle vie per favorire l’ingresso di talenti passa per la riduzione di spese e lungaggini burocratiche quando si tratta di inserire in pianta stabile risorse ad alto potenziale.

 

Un ultimo handicap è quello della “altra faccia” del mismatch: anche tra i profili più qualificati, c'è una carenza di figure focalizzate sui settori con più offerta da parte delle aziende. Inoltre, cambiano anche le priorità delle imprese nei piani di assunzione. Cresce, in termini percentuali, la richiesta di professioni di elevata specializzazione e dei tecnici, così come degli operai specializzati, mentre si riduce il peso delle professioni non qualificate e delle professioni impiegatizie, commerciali e nei servizi. Più specializzazione diventa però sinonimo di difficoltà di reperimento, Quasi un profilo su tre, dunque, è introvabile per le imprese.

 

Nonostante, non tutte le problematiche legate alla mancanza personale sono legate alla burocrazia. In diversi comunicati e cronache locali, si legge un chiaro messaggio, le imprese sono affamate di giovani. “L’artigianato e l’industria hanno bisogno di giovani – sottolinea Gilberto Luppi, presidente della Lapam-Confartigianato Modena-Reggio Emilia.– ma loro sono drogati da falsi miti. Vi sono le persone che basano il successo economico sui social e percorsi accademici che non avranno sbocchi. Luppi aggiunge- “Ormai sono le madri a chiedere informazioni per i figli”. Altri commenti parlano della mancanza di voglia di crescere e di pianificare il futuro. Manca la volontà di mettersi in gioco, di accettare condizioni magari talvolta non favorevoli, ma che fanno intravedere nel futuro qualcosa di interessante. Molti ragazzi si soffermano allo stipendio e alle ferie.

 

Al di là delle situazioni generazionali, ci sono anche dei limiti impliciti al mercato del lavoro italiano. La transizione scuola-lavoro fra la fine di scuole-università e inizio del lavoro è severamente dilungata. L’Italia è tra i pochi paesi Ue dove a un laureato occorre più di un anno per farsi assumere, ma i tempi restano estesi anche per chi esce da corsi - in teoria - formativi come gli istituti tecnici e professionali. Le imprese lamentano la difficoltà di trovare profili adatti. Ma spesso il problema andrebbe rovesciato: le 0fferte delle imprese cadono a vuoto perché studenti e neolaureati non possono essere in possesso di tutte le qualifiche richieste dalle aziende. Ma devono essere formati in corso d’opera. Peccato che ad oggi, secondo dati Istat, solo il 60% delle imprese abbia erogato corsi di formazione interni.

La propensione al training aumenta nelle imprese di grande dimensione: un segnale spiacevole, per un paese dove oltre il 99% delle aziende è di taglia media, piccola o micro. «Molte aziende sono convinte di trovarsi degli “studenti pronti all’uso”, come se dovessero essere già formati - spiega il sociologo Emilio Reyneri, professore emerito all’Università Bicocca di Milano - In realtà spetterebbe a loro, ma spesso non possono o non sanno farlo

 

Paradossalmente, oggi alle aziende viene richiesto di soddisfare l’offerta di lavoro espressa dai candidati. E una delle novità è che i candidati non sono più passivi, anzi interloquiscono con le imprese e contrattano. Non c’è da scandalizzarsi, allora, c’è da chiedersi come la domanda di lavoro delle imprese possa essere appetibile per l’offerta dei candidati che, pur con i limiti descritti, detta molte delle regole del mercato. 

 

Estratti da:

https://www.orizzontescuola.it/

https://www.ilsole24ore.com/

 

 



torna indietro


  • "Ho avuto il piacere di essere supportato negli ultimi anni da GS Xecutive in alcune selezioni piuttosto complesse e totalmente differenti fra di loro. Se tre indizi fanno una prova…. tre candidati inseriti con successo sono la conferma della professionalità, competenza e sensibilità con cui gestisce i progetti che gli vengono affidati."
    Massimo Scolari
    C.F.O. at AEB Group
  • "L'assegnazione di un obiettivo da conseguire... la certezza del risultato! Gianluca conosce bene il territorio presso il quale è inserito, il contesto sociale che lo circonda, le persone con cui collabora. Grazie alle sue molteplici competenze, anche negli scenari più difficili, trova la persona giusta da collocare all'interno delle società dei suoi clienti. Un vero piacere lavorare con lui."
    Cristina Medici
    Beckhoff Automation, Italy
  • "Ho conosciuto Gianluca Suardi qualche anno fa e da allora siamo sempre rimasti in contatto. Si tratta sicuramente di uno dei migliori professionisti che abbia mai incontrato nel settore HR. Competente, trasparente, puntuale, proattivo. Sono solo alcune delle qualità che Gianluca ha dimostrato le volte in cui ho avuto a che fare con lui. Si tratta di un gran professionista nell'ambito HR, ma non solo: ha una capacità di problem solving fuori dal comune ed una visione strategica direi quasi unica. Insomma, lasciatemi esagerare, un fuoriclasse."
    Enrico Quaresimin
    Business Development Manager presso Forgital USA, Inc.
  • "I worked with Gianluca several times. Excellent interpersonal skills, target oriented and incredible sensitiveness towards candidates and effective in understanding clients requirements with creative solutions."
    Paolo Sacchi
    Procurement & Asset Manager - Area Europe & Russia @ Astaldi
  • "Ho avuto modo di conoscere GS Xecutive e di apprezzarne il lavoro nel corso di una selezione abbastanza complessa. La perfetta comprensione delle nostre esigenze e la perseveranza nella ricerca del candidato giusto sono stati i fattori determinanti per il successo del progetto."
    Daniele Da Re
    Operation Manager presso Zanotta SpA
  • "Ho avuto la fortuna di essere inserito 4 anni fa presso un'azienda con la mediazione di Gianluca e ad oggi mi appoggio spesso a lui per la ricerca di figure difficili da reperire. Professionale e concreto, ne consiglio la collaborazione."
    Matteo Gualandris
    Direttore di produzione Cartotecnica Goldprint SpA
  • "Ho conosciuto GS Xecutive in un periodo in cui avevo deciso di cambiare i miei orizzonti professionali. Sono fermamente convinto che nell'immenso mondo del Recruitment servano persone altamente competenti, bhe Gianluca è un gradino avanti agli altri. Persona di altissima formazione e competenza"
    Fausto Fedrighini
    CISM at International Purchasing and Supply chain management institute
  • "Gianluca è un professionista competente ed affidabile, orientato al risultato e capace di adattarsi rapidamente a situazioni complesse. E' dotato di grande tenacia e porta a termine gli obiettivi assegnati anche in presenza di difficoltà impreviste."
    Claudio Pinassi
    Amministratore Delegato KME Italy
  • "Ho lavorato con il Dott. Suardi nella selezione di 2 persone da inserire nel mio team e mi sono sempre trovata molto bene sia sotto il profilo professionale che personale."
    Annarita Polacchini
    General Manager ASF Autolinee
  • "Gianluca is an excellent talent discoverer in the HR field: professionality and humanity his skills."
    Michele Greif
    General Manager
  • "Fast and professional. Thanks for cooperation"
    Stefan Folini Integration Manager TTM & Antil - Head of Operations Competence Center Automation Bystronic
    Bystronic Group
  • "Ho avuto occasione di lavorare con Gianluca in occasione di una ricerca per il mio team marketing ed ho trovato in lui un attento osservatore della realtà aziendale ed un profondo ascoltatore dei nostri bisogni. Anche di fronte a degli imprevisti che hanno causato ritardo nella selezione, ha saputo gestire con rapidità e precisione la situazione garantendo tempi di risposta coerenti con le aspettative. Insomma: mi auguro di poter lavorare con lui ancora."
    Fabio Milesi Marketing & Sales Manager
    Diversey Spa
  • "Professionalità e precisione legata a capacità di interpretare le caratteristiche dei diversi job profile restituiscono un feedback altamente positivo e di sicuro consigliabile soprattutto per profilazioni medio alte !"
    Pasquina Disanto Responsabile amministrazione
    Responsabile amministrazione BIO-LINE CHEMICALS SRL
  • "Professionalità, educazione, equilibrio e competenza sono le doti che sono spiccate subito nella conoscenza di Gianluca Suardi."
    Marco Cristiano Soler
    Responsabile tecnico presso BIO-LINE CHEMICALS SRL
  • "Gianluca è un Professionista a 360° in ambito recruiting. Esprime con grande chiarezza e precisione ciò che lui ed i suoi partner ricercano e fornisce feedback costruttivi per consentire alle persone con cui si interfaccia un costante miglioramento."
    Andrea Armanni
    Marketing and Sales Manager at F.lli Belotti S.r.l.
  • "Ho avuto l'occasione di conoscere Gianluca e affrontare con lui un percorso selettivo. Voglio sottolineare la grande professionalità oltre una grande trasparenza e "umanità", dote decisamente rare nel settore."
    Antonio Evangelista
    Off Premise Regional Account Manager
  • "I met Gianluca when I was a candidate and now we still cooperate. Gianluca, and GSX by extent, is more than (an extremely effective) a recruiter. He is, indeed, a invaluable business partner capable of guide and counsel even in the most complicated HR matters. He often put professionalism before personal gain, saying and doing the right thing even when is not convenient for him. I remember very well when we, talking about profiles, he clearly stated that the other agency's candidate was the better choice for my company. I would recommend Gianluca, you will definitely appreciate his reliability, intellectual honesty and HR expertise."
    Luca Zanazzi
    Linkedin