Sei alla ricerca di personale specializzato? Comincia qui  
× chi siamo offerte privacy policy news login candidati english italiano


26/08/2019

Femminismo e Rivoluzione

In questo articolo parleremo del feminismo, di come è cambiato il ruolo della donna nella società, e di come viene afrontato negli ambienti lavorativi.

Come affermato nel Manifesto di Rivolta Femminile: «Il femminismo è stato il primo momento politico di critica storica alla famiglia e alla società».

Quasi tutti i popoli antichi ritenevano che la donna dovesse essere del tutto subordinata all'uomo: la famiglia di tipo patriarcale infatti, caratterizzava la società presso i persiani, i Greci, i Romani.

Per definizione il femminismo è il movimento politico, culturale e sociale nato storicamente in Francia durante l'Ottocento, che ha rivendicato e rivendica pari diritti e dignità tra donne e uomini.

Più nello specifico nel 1792, Olympe de Douges presentò al governo rivoluzionario una "Declaration des Droits des Femmes", all’interno della quale venivano richiesti per le donne pari diritti civili e politici.

Al di là della Manica poi, circa una anno dopo venne pubblicato un libro intitolato "Vindication of the Rights ofWoman" di Mary Wollstonecraft, che segnò l'inizio del movimento femminista in Inghilterra.
Ma fu solo in seguito al testo dell'inglese Jhon Stuart Mill "The Subjection of Woman" del 1869, che le donne inglesi ottennero il diritto di voto nei consigli municipali e nei consigli di contea (1880).

Dopo la Prima Guerra Mondiale le suffragette ottennero i primi successi: in una situazione in cui si era resa necessaria la sostutuzione degli uomini partiti per il fronte, le mogli vennero assunte a lavorare nelle fabbriche e incaricate di ricoprire i ruoli chiave della società.  Quando poi il conflitto ebbe termine, non fu più possibile negare loro i diritti concessi.

Nel 1919 le donne ottennero l’emancipazione giuridica ampliando le funzioni di tutela, vedendosi riconosciuta la facoltà commerciale e facendo abolire l’obbligo dell’autorizzazione maritale sulla gestione dei propri beni.

Il movimento femminista aveva fatto molta strada non solo in Inghilterra e negli Stati Uniti, ma anche in quasi tutti i paesi d'Europa, dove le donne riuscirono ad eguagliare l'uomo in tutti i campi e ad ottenere persino il diritto di voto. 

In Italia lo ottennero nel 1923, in occasione delle elezioni amministrative; tuttavia tale diritto non trovò applicazione a causa della riforma fascista degli enti locali.

Il movimento ha vissuto poi una seconda fase a partire dagli anni '60 in America, quando le donne iniziarono a chiedere parità sul posto di lavoro, più rispetto all'interno delle mura domestiche e libertà sessuale, anche attraverso l'uso della pillola anticoncezionale, introdotta negli Usa nel 1961.

Nonostante anni e anni di dure lotte però, la vera parità dei sessi è stata raggiunta solo sulla "carta": la stabilisce la legge, ma non l' opinione pubblica.           
L' antifemminismo è ancora vivo, pur se latente, presso larghi strati della società: persino in coloro che -a parole - si proclamano favorevoli alla parità.

 Oggi le donne lavoratrici aspirano ad abbattere gli ostacoli che di fatto ne limitano ancora la presenza tra i vertici aziendali e dirigenziali in molti settori ritenuti a lungo appannaggio maschile. Ma chiedono anche e soprattutto di cancellare il divario salariale ancora esistente e di abbattere le barriere che impediscono, soprattutto alle madri, di rientrare nel mondo del lavoro dopo la maternità. Tali  rivendicazioni hanno trovato spazio anche in occasione del G7 delle Pari Opportunità a Taormina, il 15 e 16 novembre scorso.

Come dice l’ultimo World Economic Forum di Davos: la parità di genere resta una priorità (così come la salute delle donne tra carichi di lavoro e cure familiari).

A livello globale gli uomini possiedono ancora il 50% in più della ricchezza netta delle donne e controllano oltre l’86% delle aziende. Le cose non vanno meglio per la parità salariale: il divario retributivo di genere, pari al 23%, vede le donne in posizione arretrata a parità di mansioni.

Sarà anche per questo che in Francia, dove soltanto il 6% delle aziende rispetta l’uguaglianza salariale tra uomini e donne a parità di impiego, Macron ha imposto alle aziende la pubblicazione della differenza di remunerazione e la parità nelle promozioni. Un esercizio di trasparenza che sarà avviato subito per le aziende con mille o più dipendenti. Se non rispetteranno le misure, avranno tre anni per rimediare alla situazione, pena di sanzioni pecuniarie.

E l’Italia? L’ultimo report del World Economic Forum sulle disparità di genere conferma: su 149 Paesi, l’Italia occupa la settantesima posizione.

Sta tutto qui il motivo per cui le “donne delle aziende” stanno volgendo uno sguardo nuovo al femminismo, in parte contaminandolo: nel linguaggio, nelle strategie di risposta, nel dialogo con gli uomini che in una azienda necessariamente deve avvenire, nella negoziazione per ottenere una reale parità di genere, oltre il solo “rumore di fondo”.

Perché il femminismo è questo. Impegnarsi attivamente per una società in cui uomini e donne abbiano pari diritti, ma partendo dal riconoscimento che la disuguaglianza di genere esiste.



torna indietro


  • "Ho avuto il piacere di essere supportato negli ultimi anni da GS Xecutive in alcune selezioni piuttosto complesse e totalmente differenti fra di loro. Se tre indizi fanno una prova…. tre candidati inseriti con successo sono la conferma della professionalità, competenza e sensibilità con cui gestisce i progetti che gli vengono affidati."
    Massimo Scolari
    C.F.O. at AEB Group
  • "L'assegnazione di un obiettivo da conseguire... la certezza del risultato! Gianluca conosce bene il territorio presso il quale è inserito, il contesto sociale che lo circonda, le persone con cui collabora. Grazie alle sue molteplici competenze, anche negli scenari più difficili, trova la persona giusta da collocare all'interno delle società dei suoi clienti. Un vero piacere lavorare con lui."
    Cristina Medici
    Beckhoff Automation, Italy
  • "Ho conosciuto Gianluca Suardi qualche anno fa e da allora siamo sempre rimasti in contatto. Si tratta sicuramente di uno dei migliori professionisti che abbia mai incontrato nel settore HR. Competente, trasparente, puntuale, proattivo. Sono solo alcune delle qualità che Gianluca ha dimostrato le volte in cui ho avuto a che fare con lui. Si tratta di un gran professionista nell'ambito HR, ma non solo: ha una capacità di problem solving fuori dal comune ed una visione strategica direi quasi unica. Insomma, lasciatemi esagerare, un fuoriclasse."
    Enrico Quaresimin
    Business Development Manager presso Forgital USA, Inc.
  • "I worked with Gianluca several times. Excellent interpersonal skills, target oriented and incredible sensitiveness towards candidates and effective in understanding clients requirements with creative solutions."
    Paolo Sacchi
    Procurement & Asset Manager - Area Europe & Russia @ Astaldi
  • "Ho avuto modo di conoscere GS Xecutive e di apprezzarne il lavoro nel corso di una selezione abbastanza complessa. La perfetta comprensione delle nostre esigenze e la perseveranza nella ricerca del candidato giusto sono stati i fattori determinanti per il successo del progetto."
    Daniele Da Re
    Operation Manager presso Zanotta SpA
  • "Ho avuto la fortuna di essere inserito 4 anni fa presso un'azienda con la mediazione di Gianluca e ad oggi mi appoggio spesso a lui per la ricerca di figure difficili da reperire. Professionale e concreto, ne consiglio la collaborazione."
    Matteo Gualandris
    Direttore di produzione Cartotecnica Goldprint SpA
  • "Ho conosciuto GS Xecutive in un periodo in cui avevo deciso di cambiare i miei orizzonti professionali. Sono fermamente convinto che nell'immenso mondo del Recruitment servano persone altamente competenti, bhe Gianluca è un gradino avanti agli altri. Persona di altissima formazione e competenza"
    Fausto Fedrighini
    CISM at International Purchasing and Supply chain management institute
  • "Gianluca è un professionista competente ed affidabile, orientato al risultato e capace di adattarsi rapidamente a situazioni complesse. E' dotato di grande tenacia e porta a termine gli obiettivi assegnati anche in presenza di difficoltà impreviste."
    Claudio Pinassi
    Amministratore Delegato KME Italy
  • "Ho lavorato con il Dott. Suardi nella selezione di 2 persone da inserire nel mio team e mi sono sempre trovata molto bene sia sotto il profilo professionale che personale."
    Annarita Polacchini
    General Manager ASF Autolinee
  • "Gianluca is an excellent talent discoverer in the HR field: professionality and humanity his skills."
    Michele Greif
    General Manager
  • "Fast and professional. Thanks for cooperation"
    Stefan Folini Integration Manager TTM & Antil - Head of Operations Competence Center Automation Bystronic
    Bystronic Group
  • "Ho avuto occasione di lavorare con Gianluca in occasione di una ricerca per il mio team marketing ed ho trovato in lui un attento osservatore della realtà aziendale ed un profondo ascoltatore dei nostri bisogni. Anche di fronte a degli imprevisti che hanno causato ritardo nella selezione, ha saputo gestire con rapidità e precisione la situazione garantendo tempi di risposta coerenti con le aspettative. Insomma: mi auguro di poter lavorare con lui ancora."
    Fabio Milesi Marketing & Sales Manager
    Diversey Spa
  • "Professionalità e precisione legata a capacità di interpretare le caratteristiche dei diversi job profile restituiscono un feedback altamente positivo e di sicuro consigliabile soprattutto per profilazioni medio alte !"
    Pasquina Disanto Responsabile amministrazione
    Responsabile amministrazione BIO-LINE CHEMICALS SRL
  • "Professionalità, educazione, equilibrio e competenza sono le doti che sono spiccate subito nella conoscenza di Gianluca Suardi."
    Marco Cristiano Soler
    Responsabile tecnico presso BIO-LINE CHEMICALS SRL
  • "Gianluca è un Professionista a 360° in ambito recruiting. Esprime con grande chiarezza e precisione ciò che lui ed i suoi partner ricercano e fornisce feedback costruttivi per consentire alle persone con cui si interfaccia un costante miglioramento."
    Andrea Armanni
    Marketing and Sales Manager at F.lli Belotti S.r.l.
  • "Ho avuto l'occasione di conoscere Gianluca e affrontare con lui un percorso selettivo. Voglio sottolineare la grande professionalità oltre una grande trasparenza e "umanità", dote decisamente rare nel settore."
    Antonio Evangelista
    Off Premise Regional Account Manager
  • "I met Gianluca when I was a candidate and now we still cooperate. Gianluca, and GSX by extent, is more than (an extremely effective) a recruiter. He is, indeed, a invaluable business partner capable of guide and counsel even in the most complicated HR matters. He often put professionalism before personal gain, saying and doing the right thing even when is not convenient for him. I remember very well when we, talking about profiles, he clearly stated that the other agency's candidate was the better choice for my company. I would recommend Gianluca, you will definitely appreciate his reliability, intellectual honesty and HR expertise."
    Luca Zanazzi
    Linkedin